La prima moglie difende Zenga: “Basta con questa gogna mediatica! Walter mi tradì quando…”

La posizione della prima moglie dell’ex portiere, Elvira Carfagna

di Redazione Golssip

In difesa di Walter Zenga. «Basta con questa gogna mediatica: Walter può avere anche delle colpe – quale genitore non ne ha – ma non merita tanto accanimento». A dichiararlo è la sua prima moglie, Elvira Carfagna che precisa di aver «sposato Walter per amore e non per soldi in gioventù». E sull’attacco mediatico da parte del figlio Andrea (avuto da Roberta Termali) ha le idee piuttosto chiare: «Non è vero che non si parlano da anni e io lo posso testimoniare: al matrimonio di mio figlio, Jacopo, nel giugno 2019, sono stati almeno 40 minuti a parlare. Ero nel tavolino affianco al suo, cosa si siano detti non lo so, ma hanno dialogato». 

«Chi potrebbe forse lamentarsi, ma non lo fa, potrebbe semmai essere mio figlio perché lui mi tradì e ci lasciammo quando Jacopo aveva appena 1 anno e mezzo e Walter appena firmato un contratto miliardario. Ma, nonostante tutto, nel tempo i rapporti si sono sistemati, Jacopo ad esempio ha raggiunto il padre anche diverse volte a Dubai e lui prima di tutto questo clamore, gli aveva scritto anche un affettuoso post su Instagram di questo tenore «Io per te ci sarò sempre». Anche se noi ad esempio ci siamo sentiti dopo 14 anni, proprio in occasione del matrimonio e dunque non voglio dire che sia stato un padre molto presente, anzi io Jacopo l’ho cresciuto da sola, ma voglio solo dire che i genitori innanzitutto non ce li scegliamo e soprattutto che io in particolare non li ho mai messi contro. Quello che non sopporto, insomma, è questo can can che si è scatenato. Ormai i ragazzi sono grandi e sarebbe il caso di smetterla e comunque devo anche dire che se Andrea non si chiamasse Zenga di cognome non sarebbe mai approdato al Grande Fratello Vip. Anche mio figlio ad esempio era stato contattato dall’Isola dei Famosi ma lui si vergogna a farsi pubblicità quindi ha rifiutato».

I PANNI SPORCHI SI LAVANO IN CASA: «Parlo perché in primo luogo penso che certe questioni non vadano affrontate in Tv. Se si vogliono chiarire i rapporti, principalmente con i genitori, bisogna farlo a quattr’occhi: i panni sporchi si lavano in casa. E poi perché a questo punto mi sento anche declassata, sono stata la prima moglie e non sopporto che si parli male dell’uomo che nonostante tutto è il padre di mio figlio».

(Corriere Adriatico)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy