La moglie di Simeone: “All’Atletico protocollo rigido, Diego calma invidiabile: in quarantena…”

La moglie di Simeone: “All’Atletico protocollo rigido, Diego calma invidiabile: in quarantena…”

Carla Pereyra in un’intervista a Hola

di Redazione Golssip

“È tempo di reinventarsi”, rilancia Carla Pereyra dalla sua quarantena insieme al marito Diego Simeone e i figli (le figlie Francesca e Valentina e i figli di Diego, Giuliano e Gian). “Siamo tutti diversi e abbiamo routine e orari diversi, ma abbiamo saputo adattarci perché siamo consapevoli di ciò che sta accadendo all’esterno e proviamo a prenderlo nel miglior modo possibile. Fin dall’inizio abbiamo diviso le faccende domestiche tra tutti noi e abbiamo stabilito orari fissi per gli spazi condivisi, in modo che tutti potessero studiare, fare palestra o guardare un film quando ne avevano voglia. La verità è che questo ci ha aiutato a mantenere un chiaro ordine e responsabilità in modo che non ci fosse confusione”.

Misure di sicurezza: “Utilizziamo molto gel disinfettante, abbiamo imparato a usare una mascherina per tutto, cambiamo i nostri vestiti appena torniamo a casa. Facciamo tutto il necessario perché sappiamo che si tratta di una questione seria. Se devi lavorare, devi rispettare le condizioni di lavoro e i requisiti così da prenderti cura di te e della tua famiglia. Quindi ci aiutiamo a vicenda”.

Diego Simeone: “Le misure prese dall’Atletico Madrid? Hanno inviato un protocollo molto rigido. Diego è il più responsabile ed attento che io conosca a questo proposito. Dobbiamo riprendere il lavoro non appena ce lo permettono, con coscienza e serietà. Sono mentalmente forte, più di quanto a volte pensi, e qui sta il segreto… che siamo migliori di quanto pensiamo. Colgo anche l’occasione di andare in bicicletta con Diego e fare sport. Diego in quarantena? La realtà è che il tempo è passato molto rapidamente. Mantiene sempre una calma invidiabile, è una persona molto equilibrata e questo rende la vita molto facile insieme a lui. Siamo molto affiatati e non litighiamo affatto. I 50 anni di Diego? Si trova in un grande momento della sua vita e lo abbiamo celebrato con felicità, ringraziando di essere sani e siamo fortunati per questo. Non riesco a trovare niente di meglio da festeggiare. Abbiamo fatto una torta, ci abbiamo messo sopra un paio di candele e abbiamo mangiato un delizioso arrosto. Questo è quanto. Certo, ho anche io i miei bassi emotivi, come tutti, ma i bisogni della mia famiglia, della casa e delle mie responsabilità non mi permettono di abbassare la guardia. La verità è che non mi mancano i tacchi (.) Anche se non nego che sono civettuola e che mi vesto sempre in modo da essere bellissima. Per me e Diego”.

L’ansia per la mia famiglia in Argentina? “L’ansia è un argomento che tutti canalizzano come riescono, non ho provato quella sensazione perché ho capito che dovevo occupare un posto nella mia casa e nella mia famiglia. Quindi ho occupato la mia mente e il mio tempo nel fare e ho immaginato che tutto ciò ci avrebbe lasciato un insegnamento. Le informazioni venivano trasmesse alla mia famiglia in Argentina in modo che potessero prevenire e prendere coscienza prima che questa situazione arrivasse anche da loro. Nuove paure? Niente affatto, solo più consapevolezza e rispetto. Prima di essere stati infettati da un virus allo stomaco e da un raffreddore come al solito, ora dovremo stare più attenti”.

(Hola)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy