La figlia di Caniggia sul fatto che il padre possa avere un figlio: “L’argomento mi fa…”

La figlia di Caniggia sul fatto che il padre possa avere un figlio: “L’argomento mi fa…”

Charlotte si è espressa sulle recenti voci che danno la compagna del padre in dolce attesa

di Redazione Golssip

Charlotte Caniggia sarebbe sconvolta dalla possibilità che Claudio diventi di nuovo padre grazie alla nuova compagna Sofía Bonelli: “L’argomento mi fa schifo”. La modella ha sempre cercato di evitare gli scandali del clan Caniggia. Dopo che la madre Mariana Nannis si è espressa nel salotto di Susana Giménez, la partecipante al reality di danza ha cercato di mantenere la calma e di non esporre troppo i suoi pensieri. Ora Charlotte ha rotto il silenzio e dopo che la giuria l’ha salvata e l’ha inserita tra le migliori coppie del concorso, ha dedicato uno sfogo al padre Claudio Paul: “Papà ce l’ho dentro (la danza)!”

Sulla presunta gravidanza di Sofia Bonelli ha risposto: “Non ho idea, non so se sia vero. Se sia una voce o una bugia. Non ho parlato con mio padre, non lo so. L’intera questione mi fa star male, preferisco non guardare a quello che fa mio padre. Ci sono cose che vorrei dire ma non le dirò. Me le tengo e basta. Mio padre nega sempre tutto, ma non voglio commentare. Nel caso in cui diventasse realtà, non so cosa farei. Nessuna idea, non lo so, non posso rispondere a qualcosa che non so”, ha aggiunto. Comunque non una notizia che l’ha resa felice: “Non mi piace, non è una cosa carina. Sono un po’ giù, ma hey, tutto passa, immagino. In più in TV devi avere sempre una faccia sorridente.”

Charlotte ha poi concluso: “Con mio fratello Alex non parliamo della questione famiglia, non parliamo di mio padre, non tocchiamo l’argomento perché siamo i figli e ci fa stare male vedere i nostri genitori separati. La verità è che questo argomento mi fa schifo e non ho voglia di parlare, né di dire nulla su questo argomento. Mi tengo tutto.”

(Paparazzi.com.ar)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy