Pamela Anderson-Rami, il giocatore si difende dalle accuse di violenza: “È disgustoso, ho…”

Pamela Anderson-Rami, il giocatore si difende dalle accuse di violenza: “È disgustoso, ho…”

Con un lungo post su Instagram il giocatore si difende dalle accuse di violenza rivoltegli da Pamela Anderson

di Gianni
Pamela Anderson con Adil Rami

Qualche giorno fa Pamela Anderson ha annunciato la fine della sua storia con il Adil Rami. Su Instagram l’attrice ha raccontato di essere stata tradita dal compagno e lo ha accusato di aver condotto una doppia vita. Sul suo sito web, Pamela Anderson ha rivelato la sua recente corrispondenza con l’ex compagna del giocatore, la madre dei suoi giovani gemelli, Sidonie Biémont. Nella corrispondenza, la Anderson parla liberamente di tutte le volte che Adil Rami è stato violento nei suoi confronti. Ma su Instagram il giocatore nega le accuse di violenza e si difende con un lungo messaggio.

Non ho scelta, mi dispiace. Ho taciuto perché sono scioccato ed è molto difficile parlare. Ma ho un peso nel mio cuore. Lo renderò semplice e chiarissimo e, come ho detto prima, non commenterò i dettagli della nostra vita con Pamela. Voglio dirvi che queste accuse di violenza sono completamente false e non posso lasciar perdere. Chi mi conosce sa quali sono i miei valori. Sanno che è impossibile e non posso. Se voleva farmi male, ha scelto bene. Sa che il mio impegno per la causa della violenza contro le donne è qualcosa che per me è davvero importante. Rispetto troppo le donne che ho incontrato e questa lotta! È davvero disgustoso. Dopo aver mentito per mantenere un buon rapporto con il suo ex e i suoi figli è una cosa, ma usare bugie sulla violenza per ferirmi, va troppo oltre ed è ingiusto. Ancora una volta non permetterò di ricevere queste false accuse rivolte a me e alla mia famiglia senza rispondere. Tutto questo è troppo grave. Qui ho detto quello che dovevo dire e con il cuore. Lascio che i professionisti si occupino di questo ora“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy