Foto hot della Leotta, la confessione: “Le ho diffuse io, ma non sono l’hacker. Cosa…”

Foto hot della Leotta, la confessione: “Le ho diffuse io, ma non sono l’hacker. Cosa…”

Il ragazzo indagato dalla procura milanese aveva diciassette anni all’epoca dei fatti

di Redazione Golssip

Si torna a parlare del famoso caso di hackeraggio delle foto di Diletta Leotta, conduttrice di Dazn. A uscire allo scoperto è il ragazzo indagato dalla Procura dei minori (all’epoca dei fatti aveva 17 anni). Ora ha 20 anni e proprio su Facebook ha deciso di lanciare una sorta di appello: “Non sono io il pirata informatico. Spero che questo messaggio diventi virale così da poterle chiedere, signora Leotta, cosa cerca da me? Giustizia? Non sono stato io ad hackerare un bel niente”. Il ragazzo ammette di aver diffuso le immagini private della presentatrice, ma nega di averle rubate dal cloud della Leotta. Le immagini vennero condivise da migliaia di utenti su internet. Il ragazzo indagato aveva fatto girare le immagini, ricevute su WhatsApp, in una casella drop box. Secondo quanto riportato dal Resto del Carlino: “dopo una prima richiesta di archiviazione delle accuse da parte della Procura per i minori, nei giorni scorsi lo studente è stato convocato dal tribunale di Milano poiché la showgirl ha fatto opposizione alla richiesta di archiviazione. Sono state ordinate nuove indagini e il magistrato si è preso tre mesi di tempo. «Il pm aveva chiesto l’archiviazione delle accuse – precisa l’avvocato Barbara Pini – poiché non era emerso nulla contro il ragazzo per quanto riguarda l’accesso abusivo al sistema informatico e non vi è prova della consapevolezza dello stesso della provenienza illecita delle immagini, che già da tempo circolavano in rete»”.

(Il Resto del Carlino)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy