Fabrizio Corona non tornerà in carcere: “La lite con la Blasi concordata per 35.000 euro”

Dalle memorie dell’avvocato emerge che il litigio al GF Vip era concordato

di Redazione Golssip

Fabrizio Corona non tornerà in carcere. A confermarlo e rendere definire l’affidamento terapeutico per disintossicarsi dalla dipendenza psicologica dalla cocaina il Tribunale di sorveglianza di Milano. La notifica è arrivata venerdì mattina al legale di Corona, Antonella Calcaterra. Corona dovrà continuare a frequentare una volta alla settimana lo Smi, il Servizio multidisciplinare integrato, e a seguire una serie di prescrizioni come controlli medici e psicologici, colloqui con l’Uepe, e permanenza in casa dalle 23.30 alle 7 del mattino. Nella relazione dei medici emergono giudizi positivi sul percorso che Corona starebbe facendo per liberarsi dalla dipendenza, ma soprattutto a livello personale e familiare. I giudici hanno accolto le richieste dell’avvocato Calcaterra, che li aveva invitati a separare il giudizio sul Corona personaggio pubblico da quello sul Corona persona privata. Il legale aveva anche sottolineato come tutte le relazioni del servizi sociali sul comportamento dei Corona fossero positive. L’accusa aveva contestato a Corona la scenata durante la trasmissione “grande fratello vip” nel quale litigò duramente con la conduttrice Ilary Blasi. Il legale ha specificato in una memoria che quella lite faceva parte di un copione prestabilito, per il quale era previsto un compenso di 35.000 euro. La Procura generale a questo punto può ancora ricorrere in Cassazione contro la decisione del Tribunale di sorveglianza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy