Allegri, addio alla Juve. Si parla di amore e passione: la battuta di Agnelli fa ridere tutti

Allegri, addio alla Juve. Si parla di amore e passione: la battuta di Agnelli fa ridere tutti

Il presidente bianconero ha risposto ad una domanda sull’allenatore con una battuta sulle loro storie personali

di prov
Agnelli e Allegri

E’ un rapporto di lavoro, poi si scopre che è anche un rapporto fraterno, tra amici. Andrea Agnelli e Massimiliano Allegri si sono presentati in conferenza stampa per chiudere il loro rapporto lavorativo, ma c’è chi fa notare che dalle parole dette si evince che c’è ancora un legame forte tra l’ormai ex allenatore della Juventus e il presidente. Il giornalista chiede: “Nei rapporti di coppia a volte ci si lascia anche quando ci si vuole bene ma non c’è più passione, ci sono diversi motivi se un rapporto tra coppie finisce. Ci date la vera causa?“. «Tra me e Max non sono i più adatti a parlare di rapporti di coppia», è la battuta di Andrea Agnelli che fa ridere giornalisti e giocatori presenti alla conferenza. E’ un chiaro riferimento alle storie personali di allenatore e presidente che hanno alle spalle amori finiti: il primo tifoso bianconero era sposato con Emma Winter, che è la mamma di due suoi figli, e nel 2015 si è separato e si è innamorato della modella Deniz Akalin, dalla loro storia è nata una bimba. Anche Max ha una storia personale travagliata alle spalle: a 25 anni lasciò la fidanzata due giorni prima del matrimonio, poi ha sposato Gloria, la donna dalla quale è nata la figlia Valentina. Dopo 4 anni si sono lasciati e lui ha avuto un altro figlio, Giorgio, dalla storia con la compagna Claudia. Dopo la storia con l’ex playmate Gloria Patrizi e il flirt, che gli è stato attribuito dai giornali di gossip, con la conduttrice Barbara D’Urso, è arrivata proprio Ambra, ex del cantante Francesco Renga. «Avrò tempo di dedicarmi di più alla mia famiglia, alla mia compagna e al mio papà», ha detto Allegri.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy