Golssip
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Simoncelli, la fidanzata: “Fa ancora parte della mia vita. Dopo la sua morte…”

Simoncelli, la fidanzata: “Fa ancora parte della mia vita. Dopo la sua morte…”

Le parole di Kate Fretti: "Dieci anni senza Marco. Penso che sia passato davvero molto tempo ma non è che un anniversario porti a ricordare"

Marco

Emozionante intervista concessa da Kate Fretti, fidanzata del compianto motociclista Marco Simoncelli, ai microfoni del Corriere della Sera. Queste le sue parole a 10 anni di distanza dalla morte del pilota: «Dieci anni senza Marco. Penso che sia passato davvero molto tempo ma non è che un anniversario porti a ricordare. Accade ogni giorno. Poco dopo la tragedia, mi scrisse una ragazza. Anche lei aveva perso il fidanzato. Siamo diventati amici. Nel 2014 mi confessò che erano passati dieci anni dal suo lutto e che si era abituata a sopportarlo. Disse una cosa molto carina: se potessi far tornare qualcuno, farei tornare il tuo Marco. Ecco, strong sono più egoista ma non cambierei Marco con nessuno».

Ha 32 anni. Ne aveva 17 quando conobbe Marco, ne aveva 22 quando lo perse. Se guarda indietro cosa trova?

«Ho sempre tenuto dei diari e un giorno scriverò un libro anche se non l'ho mai detto a nessuno. Li ho riletti per dare un contributo al docufilm su Marco e mi sono resa conto che ho vissuto quegli anni come una bambina, senza pensare al futuro. Mostravo una leggerezza che adesso mi manca perché ho capito che le cose brutte accadono. La mia vita cambic in una manciata di secondi. Da allora ho a che fare con un'ansia permanente. Se mio fratello non risponde al telefono penso al peggio. Prima di quella tragedia i brutti pensieri non avevano spazio».

Il tempo cura le ferite. È proprio vero?

«Mostra la realtà in modo diverso. Se avessi continuato a vivere come ho vissuto l'anno successivo alla morte di Marco mi sarei ammazzata. Ero tagliata in due, mi mancava un pezzo della mia esistenza. Per fortuna siamo fatti per sopravvivere, la mente cerca di allontanare il dolore. Non lo annulla, lo attenua un po'».

C'è stato Marco con il quale condividere una intimità e poi c'è il Sic, una figura che appartiene a tutti noi. Dove le due immagini coincidono?

«Il Sic fa parte della mia vita oggi. Quando qualcuno mi parla di Marco penso al lavoro nella Fondazione. Poi ci sono i ricordi, il suo modo di essere affettuoso, anche se il lato romantico era ai minimi termini. Avevamo vent'anni, sul romanticismo, un disastro. Ora con Andrea, il mio ragazzo, vado meglio, mi impegno di più».