Feste, jet privati, potere decisionale: tutti i privilegi di Harden. E ora a Houston…

Fanno discutere i privilegi della stella dei Rockets

di alfa
James Harden

Il rapporto tra James Harden e gli Houston Rockets non è più così solido come un tempo: dopo settimane di silenzio, la stella americana ha parlato con la stampa, schivando però tutte le domande sulla sua richiesta di essere ceduto. In questi giorni di incertezza fanno discutere a maggior ragione i privilegi concessi in questi anni al Barba: secondo ESPN, Harden aveva la facolttà di far rimanere la squadra in città a lui gradite come Los Angeles, Phoenix o Atlanta una notte in più del necessario per poter visitare i suoi club di riferimento, e quando c’erano due o tre giorni di pausa tra le gare era noto che prendesse un jet privato per andare a Las Vegas o in altre città.

Oltre a partecipare a numerose feste esclusive a poca distanza dalle gare, il numero 13 dei Rockets “faceva quello che voleva” senza rispetto per i compagni, ad esempio presentandosi in grande ritardo alle sessioni video.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy