Il figlio di Maradona: “Papà è stato il calcio. Niente potrà toglierci quello che ha fatto”

Diego Maradona Jr è stato ospite di Chiambretti a Tiki Taka e ha parlato di suo padre e della rivalità del Napoli con la Juve

di prov

Ieri, a Tiki Taka, c’era tra gli ospiti Diego Maradona jr. Ha parlato della rivalità tra Juventus e Napoli ma anche del papà: «Il Napoli quest’anno sarebbe andato a Torino quasi da favorito. Sicuramente stava giocando meglio, esprimeva un calcio migliore ed era più in palla rispetto alla Juve. Per questo sono doppiamente triste, per la mancata partita e perché nessuno ha capito che il Napoli non è partito per una decisione dell’ASL e non per qualche furbata».

«Generalmente sono molto sportivo – ha aggiunto – ma quando si parla di Juventus lo sono molto poco. Sentivo prima del trasferimento di Chiesa alla Juventus e sul fatto che alla lunga tutti i giocatori cedono e vanno a Torino. Devo correggervi, il più forte del mondo non ha ceduto alla Juventus, grazie a Dio. Cosa non mi piace della Juve? Avrei bisogno di una notte intera per elencare tutto. Posso solamente dire che mi piace vivere la mia vita in azzurro e non in bianco e nero».

«Italia-Argentina ai Mondiali del ’90? Avevo quattro anni ed ero troppo piccolo per tifare ma sicuramente avrei tifato per mio papà. Oggi è contento e felice, ha vicino a lui tutti i suoi figli. Spero di continuare a vederlo così perché è stato il cacio e nessuno potrà mai togliere a noi tifosi napoletani quello che lui ci ha dato. Saremo per sempre grati a quell’uomo così meraviglioso. Chi è più forte tra lui e Ronaldo? Non paragono i terrestri con gli extraterrestri. Di Ronaldo me ne ricordo uno più forte che era brasiliano», ha concluso. 

(Fonte: Tiki Taka)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy