Maradona Jr: “Mio padre sarà nonno per la quarta volta, è felice. Io al GF? Mai dire mai”

Maradona Jr: “Mio padre sarà nonno per la quarta volta, è felice. Io al GF? Mai dire mai”

Le parole del figlio del Pibe de Oro

di Marco, @MarcoAstori_

Lunga intervista concessa da Diego Armando Maradona Jr, figlio dell’ex fuoriclasse argentino, ai microfoni di Chi: l’argomento principale è la nascita di sua figlia, che sarà la quarta nipote del Pibe de Oro.

Come mai la scelta di un nome come India Nicole?
Abbiamo scelto due nomi non prettamente italiani, che fossero riconoscibili anche in Argentina, in onore dei miei due paesi.

Lei si sente italo-argentino?
Mi sento napoletano e argentino nel sangue. Quando sono lì, nel paese di mio papà, mi trattano con estremo affetto: sia perché sono “figlio di”, sia perché ho lavorato tanto in tv. Ma comunque la parentela famosa, la discendenza dal Re del calcio, ha un’importanza relativa: se non piaci, la gente non ti abbraccia. Puoi anche essere il figlio di Maradona, ma… (sorride, ndr).

Quanto nipoti ha suo padre?
Papà diventa nonno per la quarta volta. Lui è sempre più felice! Più la famiglia si allarga, più è contento. La prima cosa che mi ha detto: “Complimenti figlio mio”. In Italia la parola “figlio” sembra quasi dimenticata. Lui se la ricorda e c’è sempre dolcezza nelle sue parole: vengono dal cuore, sono piene d’amore.

Parliamo di calcio, altro vostro grande amore.: che cosa pensa dell’arrivo di De Rossi nel campionato argentino?
Daniele è un uomo di uno spessore immenso, siamo felici che abbia scelto l’Argentina. Si innamorerà di questa terra. L’unico errore è la squadra: doveva andare al River Plate e non al Boca Juniors. Questione di rivalità sportiva. Però lo dico con affetto, da tifoso, senza polemiche. La sua presenza porterà positività in un Paese, a volte, un po’ troppo bistrattato.

E lei da grande andrà a vivere in Argentina…
Sto decidendo cosa fare della mia vita- Sono nella fase: “E ora che si fa?”. Non voglio lasciare il calcio, ma il fisico ovviamente non è quello di sempre. Da grande ho le idee chiare: voglio fare l’allenatore. Ci sto lavorando. Il futuro è scritto dalla possibilità di lavorare. Fosse per me non andrei mai via da Napoli, ma credo sarà impossibile. Il lavoro prima di tutto: e il “prima di tutto” mi porterà lontano dai miei affetti.

E se le proponessero di partecipare a un reality?
Le svelo un segreto: mia moglie avrebbe dovuto partecipare all’ultima edizione al GF Vip, ma poi è arrivata la gravidanza. Io al GF Vip? Dico: mai dire mai. Però, se potessi esprimere un sogno un desiderio, non avrei dubbi: mi piacerebbe una partecipazione, anche piccolina, sul set della mia serie tv preferita: Gomorra. Sarebbe il massimo.

Se le chiedo qual è il suo tormentone estivo?
Senza dubbio la canzone dei The Giornalisti, ovvero Maradona y Pelé… perché hanno cantato la verità: Maradona è megl’e Pelé. Con papà abbiamo fatto una riflessione: lui ha giocato in Italia trentacinque anni fa e ancora oggi ci sono giovani, che non l’hanno mai visto, che tifano per lui, si esaltano con lui. Nei campetti urlano “voglio la 10 come Maradona” o… cantano le canzoni che gli dedicano sotto il sole. Sa come si chiama questa situazione? Leggenda. Mio papà è una leggenda!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy