Claudio Amendola: “Allegri sulla panchina della Roma? Non si fa, però sarebbe bello”

L’intervista di Repubblica all’attore

di Redazione Golssip
Claudio Amendola, attore, si è raccontato in una lunga intervista a Repubblica. Spazio anche per parlare di calcio e della Roma, naturalmente: “Se mi è mancato lo stadio? No perché non l’ho messo tra le priorità. Abbiamo affrontato in maniera esemplare l’emergenza Covid e bisogna continuare con lo stesso rigore — ricominciando a vivere — senza dimenticare quello che è successo. Dobbiamo essere virtuosi, il calcio possiamo vederlo in tv, i mille che entrano sono più che sufficienti. Capisco i mancati introiti ma riaprire adesso è un rischio troppo alto. Il settore può fare sacrifici; è vero, si perdono soldi ma quando usciremo dalla pandemia si recupereranno. L’amore per la Roma rimane intatto e crescente. Molto meno quello per il calcio”.
Le piacerebbe Massimiliano Allegri come allenatore? “Sono troppo della Roma per dire una cosa del genere mentre c’è un allenatore in carica. Non si fa. Però sarebbe bello. Totti attore? So che è attivo anche sui social. Ormai come attore è bravissimo, ho avuto il piacere di lavorarci “da collega” in una puntata dei “Cesaroni”. Non puoi non volergli bene, è rimasto sé stesso, non recita mai. Si diverte e funziona”.
(Repubblica Roma)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy