Ivana Icardi: “GF esperienza incredibile, spero di lavorare anche in Italia. Accetterei volentieri…”

Ivana Icardi: “GF esperienza incredibile, spero di lavorare anche in Italia. Accetterei volentieri…”

L’ex gieffina ha parlato del suo rapporto con il fidanzato calciatore Luis Fabian Galesio e della sua carriera televisiva

di Francesco Parrone, @FrankParr

Ai microfoni di RivieraSport.it, è intervenuta Ivana Icardi, sorella del capitano dell’Inter Mauro e attuale fidanzata dell’attaccante Luis Fabian Galesio in forza all’SSD Arma Argentina nella Serie D italiana:

Ivana Icardi, sei nota come la sorella di Mauro Icardi, ma cosa pensi del tuo fidanzato Luis Fabian Galesio come calciatore? “Trovo strano parlare di lui come un calciatore. La prima cosa è che sono molto contenta perché domenica è stato in grado di segnare i suoi primi due gol in Italia. E’ una persona disciplinata, con il desiderio di avere successo e che nel tempo ha migliorato le sue condizioni fisiche come calciatore, anche se come dico io ha ancora molto da dare. È forte, laborioso, un combattente e penso che con queste condizioni potrà ottenere molte cose buone, dopo essere stato fermo per molto tempo, dopo la partecipazione al Grande Fratello in Argentina: ma lui saprà come riuscire ad arrivare ad alti livelli“.

Come ti sei trovata qua in Riviera? Mi sentivo molto bene, molto rilassata. Dopo aver vissuto a Buenos Aires e Roma, venire in questa tranquilla cittadina è stato come un rifugio di pace. In tutta onestà mi piace di più la grande città, anche perché i quattro mesi che ho vissuto qui non ho lavorato e questa è una cosa fattibile visto che qua il posto è molto piccolo, ma mi sono trovata molto bene“.

Capitolo TV. Hai partecipato al Grande Fratello in Argentina: come hai vissuto quell’esperienza? “All’inizio l’ho vissuto un po’ sotto pressione, visto il mio cognome, ma con il passare dei giorni andava tutto meglio. È stata un’esperienza incredibile che mi ha fatto conoscere l’amore della mia vita e che mi ha aiutato a decollare economicamente, a trovare un lavoro e ad essere più conosciuta in Argentina“.

In Italia si sta svolgendo il Grande Fratello: come lo giudichi? “Sì, lo sto seguendo. Nonostante quello che è successo tra Ayda e Bayedame, per ora vedo una situazione abbastanza tranquilla. Io alla terza settimana del mio Grande Fratello stavo già combattendo con tutti gli uomini di casa, incluso Luifa (Galesio). Spero che i ragazzi si divertano al massimo perché, come ho detto prima, è un’esperienza unica“.

Ti avrebbe fatto piacere una chiamata da Barbara D’Urso, la conduttrice del Grande Fratello italiano e volto noto della nostra televisione? “Mi piacerebbe lavorare in qualsiasi ruolo che mi permetta di guadagnare denaro e realizzare il mio sogno, che è quello di avere il mio marchio di abbigliamento. Per ora devo migliorare il mio italiano per poter partecipare a qualsiasi ruolo nella televisione italiana, ma se a un certo punto propongono qualcosa che mi servirà per la mia vita, lo accetterei volentieri: amo l’Italia!

Cosa prevedete per il vostro futuro insieme? Spero che Luifa (Galesio) possa trovare una buona squadra di calcio e posso continuare ad accompagnarlo e avere un lavoro che si adatta ai miei gusti personali, come modella o qualsiasi cosa legata al mondo della moda. Quindi prego che tutto sia sistemato, perché non è facile venire a vivere in un altro Paese, parlare un’altra lingua e adattarsi a tutto, anche se ci sono già abituata, perché ho cambiato tre volte Paese, ma è sempre difficile un nuovo inizio”.

Come giudichi il trattamento della squadra dell’Arma dove militava il tuo fidanzato? Come ha detto Luifa (Galesio), all’inizio non potevamo credere al buon trattamento, ma con il passare del tempo stava cambiando qualcosa. E non sto parlando di voler essere trattati come dei re, voglio dire che non sono riusciti a confrontarsi o almeno a rassicurarci sul fatto che tutto fosse negativo dal punto di vista economico, senza rispondere alle chiamate o fornirci una risposta coerente su come risolvere la situazione. In breve, penso che si siano comportati in modo poco professionale e se le persone non sono professionali e non sanno come pensare agli altri, penso che non dovrebbero dedicarsi alla gestione di una squadra.

Allo stesso modo, ci sono molte persone che hanno sempre avuto buone parole e gesti con noi. E mi piacerebbe approfittarne e mandare un saluto alla gente del ristorante dove andavamo a mangiare che, sebbene non appartengano al club, hanno fatto parte dei nostri quattro mesi ad Arma di Taggia“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy