Morata: “Social? Vai a bere una birra e ci sono 300 cellulari pronti a scattare. La felicità…”

Morata: “Social? Vai a bere una birra e ci sono 300 cellulari pronti a scattare. La felicità…”

Il giocatore del Chelsea si è raccontato in un’intervista a El Mundo

di Redazione Golssip

Le vite dei calciatori non sono sempre così idilliache come sembrano. Di questo ha voluto parlare Alvaro Morata ai microfoni del Mundo: “A volte Instagram è una falsa felicità. Ci sono giorni in cui sei triste e metti una foto di felicità che in realtà non rispecchia come ti senti in quel determinato giorno. Beh, alla fine è una cosa che ci fa anche a guadagnare soldi, essere più valutato a seconda dei contratti pubblicitari… Ci sono molte persone che pensano che abbiamo una vita invidiabile o che abbiamo più privilegi di altre persone, ma a volte il denaro può portarti problemi con gli amici, come è successo a me, anche con la tua stessa famiglia. È difficile alla nostra età dire di no ad un amico che viene da te perché sta passando un brutto periodo a causa delle decisioni che ha preso nella sua vita e tu devi salvarlo.”

Morata ha criticato i programmi televisivi in ​​cui i concorrenti anonimi in cerca di fama usano il nome di calciatori. “In Spagna ci sono programmi come il Grande Fratello, che tutti criticano, ma poi sono i più guardati, o Uomini e Donne, che spesso si accostano a noi con i giocatori nei programmi e non sappiamo nemmeno chi siano. Sono programmi che non fanno del bene, ma la gente li vede “. E per quanto riguarda la vita privata: “Ora vai a bere una birra, nel tuo giorno libero, va bene perché siamo giovani e perché se non ti prendi cura di te stesso un giorno non accade nulla, e ci sono 300 telefoni cellulari intorno a te per scattare una foto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy