Raffaella Fico: “Balotelli ottimo papà. Tornare con lui? Mai dire mai. Cristiano? Quelle accuse…”

Raffaella Fico: “Balotelli ottimo papà. Tornare con lui? Mai dire mai. Cristiano? Quelle accuse…”

L’ex di Balotelli si è raccontata a Rai Uno

di marco
La modella Raffaella Fico ospite della Rai

Ospite del programma di Rai Uno “Storie Italiane”, Raffaella Fico, ex compagna dell’attaccante dell’Olympique Marsiglia, Mario Balotelli, ha parlato della sua storia con l’ex giocatore dell’Inter e con l’attuale numero sette della Juventus, Cristiano Ronaldo:

BALOTELLI – “Abbiamo sbagliato entrambi. Lui giocava nel Manchester City all’epoca: siamo stati insieme, è una ferita che col tempo si rimargina, ma che ti porti sempre dietro. All’inizio ho sofferto molto per la cattiveria delle persone, da parte di tutti. Mia figlia, però, è la cosa più bella, è uguale al papà. Lui la vede una volta al mese. Non cerco delle scuse da parte sua, eravamo entrambi giovani e non si è reso conto dell’errore che ha fatto. Lui è un bravissimo papà, mostra la figlia ai suoi amici ed è contento quando la vede. Si arrabbia quando dico che ha preso anche qualcosa da me, che altrimenti non sarebbe stata così bella. Ritorno di fiamma? Nella vita mai dire mai, per il momento ci limitiamo a fare i genitori. Mia figlia è tutto per me, quando non lavoro sono sempre con lei. I figli sono la cosa più bella che possa capitare a una donna, ti cambiano la vita in modo spettacolare“.

CRISTIANO RONALDO – “Non siamo in buoni rapporti, non ci sentiamo più. Le accuse di stupro nei suoi confronti? Se fosse vero sarebbe brutto. Per quanto riguarda la mia esperienza, faccio fatica a credere che un bel ragazzo come lui abbia bisogno di abusare di lui, potrebbe avere tutte le donne ai suoi piedi. Con me è stato perfetto, mai violento, sempre carino e gentile. Mi sembra surreale, ma bisogna capire dove sta la verità. Chissà se la ragazza avrà delle prove“.

(Storie Italiane – Rai Uno)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy