Legrottaglie: “La donna? Per indole è più portata ad accudire la famiglia. Per me…”

Legrottaglie: “La donna? Per indole è più portata ad accudire la famiglia. Per me…”

Le parole dell’ex difensore della Juventus sul ruolo della donna

di marco

Invitato a rivestire a fine marzo il ruolo di relatore al  Congresso mondiale pro famiglia di Verona, Nicola Legrottaglie, ex difensore di Chievo Verona e Juventus, ha descritto la sua visione della famiglia e del ruolo della donna all’interno della società attuale. Ecco le sue parole, riportate dal sito open.online:

RUOLO DELLA DONNA – “Il senso della famiglia oggi è un po’ sballato, ma nel momento in cui l’uomo torna a prendersi delle responsabilità, allora la donna non vede l’ora di fare quello per cui è stata creata. L’uomo è più istintivo, e la donna diversa, ma non parlo di dignità e di intelligenza o di spessore interiore, parlo di struttura. Dio ama la donna così tanto da non farle fare quello che per lei può risultare più faticoso. È ovvio che la donna sia più portata a prendersi cura dei figli, è nella sua indole. Se volesse avere una carriera, potrebbe fare entrambe le cose. Però dovremmo chiedere a lei se la carriera è veramente quello che vuole, capire quali sono le sue motivazioni, l’importante è che lei sia felice. Bisognerebbe poi capire se generalmente la donna preferisca stare a casa nel fare la mamma, accudire i figli, o fare carriera. Non vedo il problema. Ci sono delle donne capaci, a volte anche più capaci degli uomini, in alcuni ambienti. Non bisogna estremizzare nè da una parte nè dall’altra“.

FAMIGLIA – “Perché devo avere paura di dire che per me la famiglia è uomo e donna? Perché ogni volta che dico quello che credo devo stare attento a non offendere chi pensa che la famiglia debba essere uomo e uomo. Esistono diverse opinioni ma siamo qui per esprimerle e confrontarci. Deve esserci massima libertà, e questo rappresenta l’amore. Non capisco questo attrito, nel confronto e nell’apertura si possono trovare delle sinergie dove anche gli altri possono essere più liberi di ascoltare. Per questi motivi vado al convegno della famiglia, non condivido quello che dicono gli altri e sicuramente non credo che Dio dica che dobbiamo eliminare dalla faccia della terra delle persone“.

(Fonte: open.online)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy