Ilaria D’Amico: “La Champions? Dico Juve, ecco perché. Io, Gigi e i nostri 4 figli…”

Ilaria D’Amico: “La Champions? Dico Juve, ecco perché. Io, Gigi e i nostri 4 figli…”

Intervistata da Corriere.it, la conduttrice è pronta per il nuovo programma sulla Champions

di Gianni

Con Gigi Buffon al PSG, per Ilaria D’Amico è  arrivato il momento di fare la pendolare tra Italia e Francia. Lo spiega la stessa giornalista in un’intervista rilasciata al Corriere: “Mi sento completa nel momento in cui ho il doppio ruolo: il ruolo di mamma e quello di lavoratrice. Avere unito una città meravigliosa come Parigi ci ha reso molto entusiasti, tutti i nostri 4 bimbi sono molto entusiasti della nuova città, però eravamo i turisti in vacanza. Adesso bisogna far quadrare tutto con un’idea di pendolarismo che complica“.

La D’Amico è pronta per la sua nuova avventura che la vedrà condurre il programma di Champions League su Sky: “Adesso aiuta avere il fine settimana libero, però se non fosse stato Sky a chiedermelo, non avrei forzato per ottenere la Champions. Come capita spesso nella vita, se si osservano le cose con fiducia, secondo me poi succedono quelle cose lì a cui neanche pensi e che poi ti aiutano. La Champions? Non vedo l’ora, il racconto dei talenti più grandi del calcio mondiale è bellissimo, però cambia registro. Cercheremo di registrarci per essere lì al servizio del talento e delle emozioni che sanno interpretare solo i grandi campioni. Un pronostico? Dico Juve perché si è rafforzata con Cristiano Ronaldo, perché ha imparato a stare in quelle grandi piazze conquistando due finali negli ultimi 4 anni e questo significa ormai avere fatto le ossa per sfruttare le occasioni che ci sono. Anche senza Buffon? Gigi è andato in un club che ha tutte le ambizioni di vincere la Champions. Credo semplicemente che la Juventus dal punto di vista del lavoro e della storia nella competizione, abbia fatto un passo in più rispetto al Paris Saint-Germain“.

(Corriere.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy