Emerson, parla la figlia: “Da tre anni papà non vuole più vedermi. Non posso credere che…”

Emerson, parla la figlia: “Da tre anni papà non vuole più vedermi. Non posso credere che…”

Karolayne Alexandre Da Rosa, figlia del grande ex calciatore Emerson, ha parlato a Domenica Live

di dellas

A Domenica Live su Canale 5 oggi era ospite Karolayne Alexandre Da Rosa, figlia del grande ex calciatore Emerson notoriamente conosciuto come “il Puma” che da tre anni non vuole più vedere la figlia.

Ecco il racconto della figlia dell’ex centrocampista di Roma e Juve: «Per me oggi è veramente difficile essere qui, perché non ne ho mai parlato e mi fa molto male. Ho sofferto tanto quando i miei genitori si sono separati, ero piccola e all’età di 11 anni mi sono sfogata sul cibo, fino ad arrivare a portare una taglia 42 da donna. Oggi non vedo mio padre Emerson da tre anni, di punto in bianco non è più venuto in Italia a trovarmi.» poi prosegue: «Come papà sono una sportiva, ho iniziato a giocare a tennis e faccio tornei a livelli internazionali. Lui però non mi ha mai appoggiata, per questo motivo un giorno mi chiamò per offrirmi un lavoro come segretaria del presidente della Fifa, ma rifiutai perché volevo continuare a giocare. Da quel momento non ho più saputo niente di lui.»

 «Solo in seguito al cortometraggio mi ha scritto dicendomi che voleva riavvicinarsi. Gli dissi che era ciò che desideravo e mi rispose di andare da lui. Ho provato a richiamarlo più volte per chiedergli dove potevo rintracciarlo a Miami, dove ora vive con la sua nuova moglie e le sue figlie, ma sono quattro mesi che non mi risponde e non ne capisco il motivo.»

Ecco l’appello al padre: «Papà mi manchi veramente tanto, io penso che come il denaro non può comprare il tempo e l’amore delle persone, non posso credere che non nutri più amore nei miei confronti. Io veramente vorrei iniziare il mio presente e il mio futuro con te al mio fianco e non più lontani come è successo in questi tre anni.»

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy